Titolo: Chiesa di Santa Maria Dolente
Comune: Piove di Sacco
Autore: Luciano Schiavon
Anno: 2007
Argomento: Guida agli edifici di pregio
Tipo:colori
Note:Chiesa di Santa Maria Dolente Secondo i documenti la chiesa fu voluta nel 1495 dai fedeli della zona che difficilmente potevano raggiungere, soprattutto col maltempo, la parrocchiale di Piove; fu concessa e affidata ai Serviti di un convento della zona che la dedicarono alla Madonna Addolorata ma i curati continuarono ad essere scelti dalla Collegiata fino a quando, nel 1810, questa fu soppressa da Napoleone. L'aspetto attuale risale a tempi recenti: rialzata e in gran parte rifatta nel 1855, fu restaurata nel 1972. La chiesa dal punto di vista architettonico non costituisce elemento di grande interesse, maggiore attenzione meritano invece le opere in essa conservate. In particolare il Moschini già nell'Ottocento, riferisce di due tele datate e firmate, opere entrambe di Gian Battista Bissoni (1574/76 -1634): collocate sugli altari laterali a destra ?un Santo Vescovo sedente sopra alto piedestallo: nel piano vi sono in un lato i SS. Lorenzo M. ed una Monaca, dall'altro S. Carlo Borromeo con un divoto appresso? l'opera è datata 1619; a sinistra, ?in un lato S. Apollonia, e nell'altro una Santa con la insegna di Martire al centro S. Lucia con tre angioletti nell'alto che lor recano le corone del martirio? l'opera è firmata e datata 1617. Le tele documentano il periodo di adesione dell'artista alla pittura veneziana di Veronese e di Palma. La chiesa è arricchita inoltre da altre opere: una pala con S. Francesco di Paola, inserita in un altare settecentesco lavorato ad intarsio con specchiature marmoree. Sul soffitto infine è l'opera del pittore piovese Giovanni Soranzo, eseguita nel 1909, che rappresenta l'esaltazione della Croce e l'assunzione della Vergine. Attraversando la sacrestia si accede all'Oratorio della Confraternita del Sacramento (o secondo altre testimonianze a quella che in origine era la Chiesetta dei Servi di Maria). Si tratta di un ambiente a pianta rettangolare, con abside circolare soprelevata, finestroni termali e lesene.
[Indietro]