Titolo: Villa Gradenigo
Comune: Piove di Sacco
Autore: Luciano Schiavon
Anno: 2007
Argomento: Guida agli edifici di pregio
Tipo:colori
Note:Villa Gradenigo Alla fine di via Garibaldi si erge maestosa villa Gradenigo. Comunemente indicato come "Palazzo", il complesso nonostante sia posto all'interno del vallo che delimita il centro storico, rientra a pieno titolo nelle caratteristiche stilistico-tipologiche derivanti dalle funzioni che il Palladio individua come tipiche della casa di villa. Secondo l'architetto vicentino la destinazione è tra casa di città e casa di campagna, dove quest'ultima è il luogo in cui il Gentil'homo passerà il tempo in "onorare le sue possessioni, e con industria, e arte dell'Agricoltura accrescere le facultà"... E' evidente quindi che la presenza delle barchesse, come anche della casa da fattore, dell'aratorio vitato e dell'orto, testimoniano la funzione agricola; e non bisogna dimenticare che i proprietari di questo edificio erano figli della Serenissima, e che per i veneziani la terraferma era spesso sinonimo di "campagna". Infine, la presenza documentata, almeno nel Sette e Ottocento, di un parco e la definizione emergente dai catasti storici ottocenteschi "casa di villeggiatura" confermano l'altra funzione tipica della villa veneta, quella di svago. La nobile famiglia dei Gradenigo possedeva in Piove di Sacco molte proprietà non solo terriere e residenziali ma anche commerciali - ad esempio un' osteria che sorgeva probabilmente non lontana da questa villa - perciò è spesso difficile individuare nel ricco archivio di questa famiglia la storia dei singoli edifici. L'elemento che ci viene in aiuto è la chiara identificazione del sito rientrante nella contrada Pozzobon, e confinante con la Porta di Santa Giustina (Torre Rossi; demolita nel 1820) ed il vallo, elementi della fortificazione della città  che nel corso dei secoli verranno inglobati nella proprietà Gradenigo. Il complesso monumentale attuale è composto dall'edificio residenziale, dalle barchesse e dall'oratorio, già  documentato dal 1675 e dedicato a San Francesco di Sales, ma ricostruito nella forma attuale nel 1788, mentre la barchessa che lo collega al palazzo risale al 1758. Il palazzo residenziale, con i suoi cinque piani, costituisce senza dubbio, a Piove di Sacco, l'edificio di abitazione più imponente tra quelli di rilievo storico-artistico. Il seminterrato occupa solo la metà pianta ed era destinato alle cantine, sul lato verso il giardino troviamo invece il piano terra sede della cucina, dove è ancora conservato il focolare. Con le scalinate esterne - delle quali si è conservata solo quella della facciata principale, per altro alterata rispetto alla forma originaria a semicerchio - si accede al salone passante del piano rialzato. Le pareti ed il soffitto sono interamente affrescati con finte architetture e arditi sfondamenti prospettici. Dai due ampi vani laterali, anch'essi riccamente decorati a monocromo, due scaloni speculari conducono direttamente al piano nobile. Qui si apre spazioso e fastoso il salone delle feste illuminato dalla trifora centrale. Anche questo ambiente è interamente decorato da affreschi seicenteschi, interrotti sui lati minori da loggette riservate all'orchestra. Tra i due piani di rappresentanza si inserisce nelle ali laterali il mezzanino; all'ultimo piano erano collocate le stanze della servitù domestica, infine, questo imponente edificio si conclude con il sottotetto con travi a vista, che costituisce la parte centrale con il timpano in facciata. Nel piano nobile la distribuzione rispetta l'andamento simmetrico tipico del palazzo veneziano e decorazioni a stucco e ad affresco arricchiscono anche le sale laterali. Uno sguardo attento merita indubbiamente la facciata principale, post-palladiana. Sullo zoccolo di base si aprono finestre ovoidali; nella parte centrale dell'edificio la decorazione mette in risalto lo spazio occupato dai saloni passanti: al piano rialzato un massiccio bugnato, al piano nobile la bella trifora di colonne con capitelli ionici, il tutto coronato da un timpano recante lo stemma dei committenti veneziani: i Gradenigo. La documentazione sette e ottocentesca testimonia che la villa era completata oltre che dall'oratorio, dalle barchesse, dalle scuderie e da altre adiacenze, anche dalla corte, dall'orto e sopratutto da un bel giardino all'italiana. Questo spazio, anche se attualmente un po' trascurato è rimasto non edificato, pertanto ci si augura che possa essere al più presto riportato al suo antico splendore. Attualmente l'edificio residenziale è solo in parte utilizzato come dimora dal proprietario il conte Radini Tedeschi, mentre la barchessa di sinistra e l'oratorio, dopo essere stati occupati, nel dopo guerra, da un mulino, sono stati restaurati ed oggi accolgono una banca.
[Indietro]